logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Frasi scorrevoli

croce pozzo1. Il nome assunto come Sommo Pontefice, ovvero Celestino, nonostante la accezione dimessa, in verità fu scelto da Pietro del Morrone come un proclama, coerente con tutte le scelte della sua vita. Un nome qualificante, pur nella sua umiltà e mansuetudine, un nome individuativo. Homo coelestinus: uomo identificabile per il suo riferimento al cielo, anzi "abitatore del cielo".
Non proprio "celeste", che sarebbe stata una denominazione presuntuosa, contraddittoria in colui che si sentiva homo viator, sulla terra, e come tale viveva. Ma "coelestinus, qui per coelum incedit" (Cicerone) colui che, con i suoi seguaci, è consapevole di essere già "concittadino dei santi e familiare di Dio" (Ef 19, 5) e può affermare "conversatio nostra in coelis est" (ivi). E’ esplicito il richiamo al dettato biblico: "bisogna che rivestiamo l’identità dell’uomo celeste" (1 Cor 15, 49). Coelestinus è colui che ha scelto il Cielo perchè appartiene al Cielo e incede verso il Cielo. "La nostra città si trova nei cieli" (Fil 3, 20).
La desinenza diminutiva "coelestinus", e per di più su un nome che etimologicamente non è sostantivo bensì aggettivo, indica a sufficienza la "dipendenza" dal sostantivo mistico Coelum, e la profonda, convinta umiltà di chi si pone - nel nome stesso - in rapporto con l’Assoluto. Anche il suo nome nuovo (come avrebbe osato chiamarsi Pietro, con il nome di battesimo, una volta asceso al supremo Pontificato!?) è un simbolo. Non Pietro che viene dal Morrone, bensì Celestino che ha come ragione d’esistere, il cielo. (segue)
da A.L. Villani, La Croce di Celestino, Roma 2009


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino