logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Novembre 2017
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Frasi scorrevoli

GOLINELLI Paolo, Celestino V - Il Papa contadino, Editore Ugo Mursia 2006

contadinoCelestino V (1210-1296) è tra i papi più famosi e affascinanti del Medioevo, spesso però oggetto più di agiografie che di vere biografie storiche. Paolo Golinelli ne ripercorre la vicenda umana, inserendola nel contesto delle lotte politiche ed ecclesiastiche di fine Duecento, e nell’ambiente rurale e nella natura selvaggia nella quale egli crebbe e si fece eremita. Questa connotazione, mai prima evidenziata dalla critica, diviene l’occasione per ripensare al duro giudizio di Dante (Inferno III, 60), fornendone un’inedita interpretazione, mentre l’accurata lettura delle fonti porta a un riesame dei momenti chiave della sua esistenza, dalla sua stessa nascita «con la camicia», all’elezione pontificia; dall’approvazione del suo Ordine monastico alle dimissioni dal pontificato, che tanto fecero discutere; dai problemi quotidiani di un giovane eremita all’elevazione all’onore degli altari. Ne esce un quadro estremamente variegato, scritto con penna felice da uno storico apprezzato perché sa unire precisione documentaria a facilità di lettura.

 

celestinianaA. FRUGONI, Celestiniana, inIstituto Storico Italiano per il Medio Evo – Nuovi Studi Storici/16, Roma 1991 pp. I–191.

La riedizione anastatica dell’opera del Frugoni, comparsa nel 1954 ma assolutamente valida tutt’oggi, ripropone la lezione storica e metodologica dell’insigne ricercatore e maestro medievalista. Da queste pagine la figura così problematica di Celestino, prima con la sua vita di penitente poi con il suo papato, infine con la sua abdicazione, si pone come segno di contraddizione e ripropone in tutta la sua drammaticità il tema della ricerca della Ecclesia Spiritualis, opposta a quella carnalis, che inquieterà personalità e gruppi nella Chiesa del Due-Trecento, fino ad oggi. È opera fondamentale, ottima l’Introduzione firmata da C. Gennaro.

 

bonifacio1M. SERIACOPI, Bonifacio VIII nella storia e nell’opera di DANTE, Firenze 2003, pp. 276.

Dopo un utilissimo esame della situazione storico-politica italiana tra la fine del Dugento e i primi anni del Trecento, l’autore si sofferma partitamente sugli elementi relativi alla complessa figura del rappresentante più tipico della teocrazia cattolica con un’indagine a tappeto dei cronisti trecenteschi e degli storici successivi.
Dopo avere, con ammirevole sintesi, chiarito i principali aspetti del pensiero politico ed etico di Dante, procede con l’illustrazione dei connotati che la discussa figura di papa Caetani assume nell’opera dantesca, nella quale viene condannato senza appello e marchiato per sempre come il papa simoniaco per antonomasia. (A. Lanza, Prefazione). Con imponente bibliografia critica (p. 259-276).

 

 


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino