logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Frasi scorrevoli

Vivere è: libertà estrema

La pellicola, incentrata sul tema dell'eutanasia, narra la vicenda di Ramón Sampedro, un uomo costretto a letto (interpretato da Javier Bardem) a causa di un grave incidente: un tuffo da uno scoglio finito male, che lo ha lasciato tetraplegico. Passa il tempo a guardare dalla finestra, a scrivere poesie e vorrebbe che qualcuno lo aiutasse a morire. La finestra della sua stanza è la sua unica finestra sul mondo, la vista è su quel mare che ha solcato così spesso; quel mare nel quale ha avuto l'incidente che ha troncato la sua giovinezza.

Da allora, il suo unico desiderio è quello di metter fine alla sua vita in maniera dignitosa. Il suo mondo viene messo a soqquadro dall'arrivo di due donne: Julia (Belen Rueda), l'avvocato che lo appoggia nella sua battaglia per terminare la vita nel modo che gli sembra più appropriato, e Rosa (Lola Duenas), una donna del paese, che cerca di convincerlo che dopo tutto è meglio continuare a vivere. Entrambe le donne vengono sopraffatte dalla personalità accattivante di Ramon, e si trovano a doversi interrogare su tutti i principi che fino a quel momento hanno regolato le loro vite. Ramon sa solamente che qualcuno che lo ama veramente lo aiuterà ad affrontare meglio il suo ultimo viaggio.

Per amore di Ramón, Rosa acconsente infine ad aiutarlo nei suoi propositi, porgendogli un bicchiere in cui era stata sciolta una dose letale di veleno, consentendogli di liberarsi di quella vita che da anni non sopportava più, non prima di aver registrato il suo ultimo, accorato appello al diritto all'eutanasia volontaria per quanti soffrono.

Il film ha al centro il problema di chi non vuole vegetare proprio perché è pieno di vita nonostante tutto, ma espone anche l'analisi dei vari tipi di amore nei quali l'essere umano cerca riposo. Non si tratta di una specie di quesito referendario, sì o no all'eutanasia, ma di un discorso più ricco e universale. L'amore familiare che si colora di gelosie e di sensi di frustrazione non basta per vivere, la fede nemmeno. Il senso dell’esistenza è essere liberi di decidere sulla vita e sulla morte, in nome della propria dignità. Altre prospettive, non appartengono alla realtà. E amore autentico è quello che ti aiuta a vivere fino all’estremo la tua libertà. Se necessario, a farla finita. Ma per molti rimane bruciante la domanda il senso dell'esistenza, della libertà, è tutto qui? 


Mare dentro - di Alejandro Amenábar

Regia: Alejandro Amenabar
Cast: Con Javier Bardem, Belen Rueda, Lola Dueñas, Mabel Rivera, Celso Bugallo
Paese: Spagna 2004
Genere: Drammatico


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino