logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Frasi scorrevoli

Nel segreto del cuore degli altri
di Luca Pellegrini

Tutto è molto chiuso, essenziale, per Christine che arriva a Lourdes sulla sua carrozzella. Tutto, tranne il suo sguardo. Aperto, sereno. Il refettorio, la camera da letto, la stanza per le immersioni, l’ambulatorio, la cappella, anche la grotta: sono ambienti che la circondano, la sovrastano, circoscrivono il suo orizzonte, che si concentra così sulla sofferenza sua e degli altri. Tutto è chiuso e tutto è molto programmato nel pellegrinaggio assistito dalle dame e dai barellieri dell’Ordine di Malta: i pasti, le celebrazioni dei sacramenti, le preghiere, le processioni, la visita alla grotta, i piccoli svaghi. Tutto è programmato, tranne il miracolo. Avviene in una notte, semplicemente, silenziosamente: Christine, affetta da sclerosi multipla, si alza, va in bagno per pettinare i suoi bei capelli biondi. La ritroviamo, la mattina seguente: beve il caffè afferrando la tazza con le proprie mani. Sorride, i suoi vicini la guardano. Non sorridono.

Alla sensibile e attenta regista austriaca Jessica Hausner in Lourdes - film inserito in concorso al Festival del cinema di Venezia – non interessa il rapporto tra Christine e la fede, forse la ragazza ne ha molto meno dei suoi compagni pellegrini. A lei interessa indagare il cuore umano quando è messo a confronto diretto con l’inspiegabile, il soprannaturale. Il miracolo, appunto, che suddivide in due parti questa rigorosa, austera, oggettiva riflessione, recitata da un gruppo di attori bravissimi, tra i quali spicca la protagonista Sylvie Testud.
Prima, per il gruppo affiatato di malati e accompagnatori, tutto è nella "norma",  scandito dai sacramenti, dalla ricreazione, dalle necessità del corpo, anche se piagato, e da quelle dello spirito, anche se assopito. I personaggi sono ben scolpiti: chi è plasmato dal soffrire, chi decide di servire nella carità – e poi magari non ne è troppo convinto – chi è lì per portare il conforto e la parola di Dio, chi invece per non portare niente se non se stesso e la propria solitudine. Gente comune, con tutto il bagaglio di dubbi, di deficit umani, di piccoli gesti d’amore e di invidia. Volti e corpi che non sappiamo cosa esattamente racchiudano, come nel caso di Cécile (Elina Löwensohn, doveroso citarla), la dama che guida il gruppo e che, a un certo punto, ci spreme il cuore. Ma ciò che accade a Christine avviene per svelare il segreto dei cuori degli altri e ciò che vediamo accadere non è bello. E nemmeno molto cristiano. Soltanto molto umano.

Manca la gioia di chi sta attorno a quella giovane che ora si muove e prima era immobile. Anche il miracolo sembra rientrare nella "meccanicità" dei programmi di Lourdes, la visita medica è una routine, Christine sorride, ma non è del tutto convinta di ciò che effettivamente le è successo. Sembra abbia paura, più che riconoscenza. Vuole subito cogliere ciò che le è mancato, prima che questo strano "sogno" finisca, che la "felicità" sbandierata nel canto finale sia più per gli altri, per lei ridotta a un miraggio soltanto. Si vuole riappropriare della sua carrozzella. Talvolta la prigione è più rassicurante della libertà. Il film non fa apologia, non vuole convincere chi crede o chi non, non irride mai il misterioso intervento di Dio nella storia dell’uomo, ma nemmeno lo salva dal dubbio, dall’indifferenza. Il distacco, che si avverte già in fase di sceneggiatura, parchissima, che emerge nei movimenti sempre attenti della macchina a cogliere senza commento le espressioni e le sfumature, rimanendo così distante da una eccessiva personalizzazione dei volti e approfondimento del mistero, è la forza di Lourdes, film assai più umano che cristiano, ma che del Cristo adombra, anche se non voluto, il volto, le piaghe, l’enigma.

A Venezia, questo film, considerato tra i favoriti per il Leone d’Oro, è stato premiato con due riconoscimenti prestigiosi, completamente antitetici tra loro: il premio Signis della Giuria cattolica e il premio Brayan assegnato dalla Unione degli Atei e degli Agnostici razionalisti.

Lourdes - di  Jessica Hausner
Regia: Jessica Hausner
Cast: Sylvie Testud, Léa Seydoux, Bruno Todeschini, Elina Löwensohn
Paese: Austria, Francia 2009
Genere: Drammatico


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino